Terapia della Porneia: Il Matrimonio

    Terapia della Porneia: Il Matrimonio

    In questa lezione stiamo trattando della Terapia della porneia, della lussuria

    Oggi vogliamo parlare del Matrimonio come terapia della porneia. La castità coniugale, la castità degli sposi.

    Come fare perché la vita coniugale degli sposi sia una vita guarita, capace di manifestare questa capacità di amare, questa castità?

    Prima di tutto dobbiamo pensare che il Signore ha pensato a questa unione dello sposo e della sposa come un sacramento, come un segno dell’unione dell’uomo con Dio. Gesù stesso è questa unione tra l’uomo e Dio, fra l’umanità e la divinità.

    L’uomo e la donna trovano uno nell’altro il compagno che lo aiuta verso il cielo, che lo aiuta in questo cammino verso Dio. Perciò uno non può fare dell’altro il suo Dio. Il sesso è santo, non è divino. L’atteggiamento dell’uomo verso la donna, quindi, deve essere un atteggiamento sacramentale: è questa la guarigione spirituale del sesso. Un segno visibile di una realtà invisibile della nostra unione con Dio.

    L’unione degli sposi deve essere anche un’unione psichica, di anime: sono due anime che si aiutano a vicenda nella strada verso Dio.

    La castità del matrimonio deve essere vissuta nella carità.

     

     

     

    :: Forse ti piacerà:

    :: Ai fidanzati: la castità è via di felicità
    :: Il dono del Consiglio
    :: Salmo 22 – Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla

    Share This Post