La vittoria finale è vicina!

    La vittoria finale è vicina!

    29dic

    In una occasione, un medico che lavorava nell’unità di trattamento intensivo di un ospedale della periferia di San Paolo, mi raccontò la storia di un ragazzo che, nel fare surf sopra il treno di un suburbio, cade e rimasse tetraplegico. Mi ha raccontato anche la disperazione della mamma del ragazzo, che, nei giorni di visita, si buttava sopra il suo figlio, piangendo, volendo che tornasi dal coma. Il ragazzo era un drogato, quindi considerato un cattivo elemento, ma la madre è madre!
    Se la madre non vuole perdere un figlio drogato, Dio, in quanto Padre, non vuole perdere i suoi figli. E Lui fa di tutto affinché non accada questo.
    La speranza è che la grande maggioranza di noi, figli di Dio, entreremo in questa terra nuova. Il nemico di Dio crede che si salveranno pochi, ma il sangue è la salvezza del nostro Signore Gesù Cristo sono molto forti e potenti. Abbi certezza!
    Il mondo nuovo non sarà appena conseguenza dello sforzo umano, come pensano alcuni. Il catechismo della Chiesa Cattolica toglie da noi quella illusione spiegando che non è per il risultato di sforzi umani che si arriverà a una terra nuova, ma per l’intervento di Dio. Sarà Gesù che verrà e in quell’intervento, tutte le cose cambieranno.
    “Il Regno non si compirà dunque attraverso un trionfo storico della Chiesa [Cf. Ap 20,7-10 ] secondo un progresso ascendente, ma attraverso una vittoria di Dio sullo scatenarsi ultimo del male [Cf. Ap 21,2-4 ] che farà discendere dal cielo la sua Sposa” (CIC;677). La grande rivolta avverrà! Nel momento in cui il nemico meno se lo aspetta sarà espulso.
    Questa è la favorevole aspettativa che il Signore vuole che abbiamo nel cuore. La bellezza delle guarigioni che accadono sono appena un anticipo di quello che vedremmo. I nostri corpi risusciteranno e non ci sarà più morte, malattia, dolore, sofferenza o lacrime. Non saremmo più vittime del peccato. Tutto cambierà! La stessa terra sarà trasformata. Chi farà questo? Gesù Cristo! Perciò diciamo: “Vieni presto! affrettati, Signore Gesù!”

    (Tratto dal libro “Cieli nuovi e terra nuova” di P. Jonas Abib, fondatore della Comunità Canto Nuovo).

    Share This Post