La forza da consolidare – Paolo e Timoteo

    Paolo è circondato da tanti collaboratori nella sua opera di evangelizzazione.

    Como è possibile per Paolo, l’essere stato un formatore così fecondo?
    Don Giacomo Perego, biblista paolino, ci parla dell’arte di accompagnare i giovani.

    Forse ti piacerà:
    ::Vocazione, un cammino di felicità… 
    :: Padre Pio da Pietrelcina, un uomo… un mistero…
    :: Quiz – Perché l’indulgenza, se Dio ci ha salvato?

    III DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) – «Gaudete»

    III DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) – «Gaudete»
    E noi che cosa dobbiamo fare?

    “In quel tempo, le folle interrogavano Giovanni, dicendo: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare, faccia altrettanto».
    Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato».
    Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe».
    Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».
    Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.”  Lc 3,10-18

    https://www.youtube.com/watch?v=gwkksN2gb2o&index=148&list=PLr5LvTDmn60dEdpfWPDZYeBgV3ZmpbgeV

    II DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C)

    II DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C)
    Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

    Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto.
    Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa:
    «Voce di uno che grida nel deserto:
    Preparate la via del Signore,
    raddrizzate i suoi sentieri!
    Ogni burrone sarà riempito,
    ogni monte e ogni colle sarà abbassato;
    le vie tortuose diverranno diritte
    e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!». Lc 3,1-6
    https://www.youtube.com/watch?v=cCunO6uuvWc&list=PLr5LvTDmn60dEdpfWPDZYeBgV3ZmpbgeV&index=149

    I DOMENICA DI AVVENTO (Anno C)

    I DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C)
    La vostra liberazione è vicina.

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.

    Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
    Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
    State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».
    Lc 21,25-28.34-36

    https://www.youtube.com/watch?v=i6wKjagkNDQ&list=PLr5LvTDmn60dEdpfWPDZYeBgV3ZmpbgeV&index=150

    La finestra da aprire – Samuele e Davide

    Samuele è stato un grande nella storia d’ Israele, è colui che ha guidato il popolo nelle scelte più importante.

    Don Giacomo Perego, biblista paolino, ci parla dell’arte di accompagnare i giovani.
    https://youtu.be/v4PgcAiYVm8

    Forse te piacerà:
    ::La terra in cui accompagnare – Mosè e Giosuè
    :: Vocazione, un cammino di felicità…
    :: Sister Cristina si racconta a CNPlay

    XXXIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) – Gesù Cristo Re dell’universo

    XXXIV Domenica del Tempo Ordinario: Tu lo dici che io sono re

    In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
    Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».

    Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce». (Gv 18,33b-37)

    Forse anche ti piacerà:
    :: Tolleranza: relativismo o verità?
    ::Comandamento: oppressione o regalo?
    :: Se obbedisco a Dio posso dire di essere libero?
    ::I dieci comandamenti sono ancora validi?

     

    Vocazione, un cammino di felicità…

    “Il sacerdote non è nè un eroe, nè un nevrotico.

    È un uomo semplice che, con la sua umanità, cerca di seguire Gesù e di servire i suoi fratelli. In lui ci sono miserie, povertà e fragilità come in ogni altro essere umano; ma possiede anche bellezza e bontà come in ogni essere umano…”

    Don Martín Lasarte, salesiano di Don Bosco, missionario 20 anni in Africa, si racconta a CNplay

    Forse ti piacerà
    :: Quiz – La Chiesa e i giovani – Una relazione possibile?
    :: Come relazionarsi con lo Spirito Santo?
    :: Sister Cristina si racconta a CNPlay

    XXXIII Dom. Tempo Ordinario – Anno B

    XXXIII Domenica del Tempo Ordinario: Il Figlio dell’uomo radunerà i suoi eletti dai quattro venti

    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
    Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
    Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
    In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.

    Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre». (Mc 13,24-32)

    Forse ti piacerà:
    ::Il mio destino é fissato fin dalla nascita?
    :: C’è contraddizione tra fede e scienza?
    ::Perché i bambini muoiono?
    :: Comandamento: oppressione o regalo?