La battaglia per le nostre famiglie!

    La battaglia per le nostre famiglie!

    I problemi che accadono alle nostre famiglie non sono soltanto naturali oppure umani.

    Siamo combattenti in un tempo difficile; i problemi che avvengono alle nostre famiglie non sono soltanto naturali oppure umani. Ci sono problemi, perché il nemico vuole distruggere la nostra casa. Un modo per farlo è seminare la rivolta nei nostri cuori. Rivolta contro i genitori, per esempio. Tu sei un innocente utile per i suoi progetti maligni. Non ci sono padri o madri che non sbagliano mai. Purtroppo, ogni figlio finisce ferito per qualcosa che i suoi genitori hanno detto o non detto. Oppure per qualcosa che hanno fatto, per diffidenza, delusione o per una parola della madre. Tante cose possono diventare brutte ferite, e tante volte ce le portiamo per tutta la vita. Il nemico crea in noi risentimenti, angoscia, fino a farci arrivare alla “rivolta”.

    Dopo qualche tempo, non ce la facciamo più a convivere con quella persona. C’è il desiderio di andare via di casa, di cercare nella strada, nel mondo, tutto ciò che non riusciamo trovare nella nostra famiglia. C’è chi cerca qualcosa di buono, come un gruppo di preghiera, il ministero della musica, una comunità, un gruppo di giovani, ma tutto questo per scappare, come via di uscita dalla propria casa in cui non supporta restare più. Quello che prima era risentimento, angoscia, irritabilità, diventa rabbia, rancore, rivolta. E, subito dopo, odio e vendetta. È come una malattia: se non è trattata in tempo, peggiora e diventa una malattia cronica. Bisogna riconoscere che questa è un’arma ingiusta utilizzata dal nemico per usarci come “innocenti utili” e distruggere le nostre case e le nostre famiglie.

    È lui che, vigliaccamente, istiga in noi tutti questi sentimenti cattivi, con l’unico scopo di fare implodere la nostra casa e la nostra intera famiglia. Dichiara subito che vuoi essere strumento d’amore e mai di distruzione a casa tua. Dio ti benedica!

    Tuo fratello, Mons. Jonas Abib

     

    :: Forse ti piacerà!

    Famiglia: luogo del perdono

    Share This Post