Scegli sempre la verità

    La grande preoccupazione del cuore di Gesù è che rimaniamo nella verità

    Abbiamo ricevuto tante informazioni, e così in fretta, che, se non stiamo attenti, saremo impregnati di una mentalità totalmente distorta, al punto da cambiare la verità di Dio con la menzogna del mondo senza percepirlo. Gesù prega il Padre, dicendo: “Non ti chiedo di portarli fuori dal mondo, ma di tenerli lontani dal malvagio. Non sono del mondo, come io non sono del mondo. Santificali per la verità. La tua parola è verità “(Gv 17,15-17). Significa che dobbiamo essere riempiti con lo Spirito Santo. Lui solo ci condurrà a discernere e camminare secondo la verità di Dio: “Santificali con la verità. La tua parola è verità ” (Gv 17,17).

    La grande preoccupazione del cuore di Gesù è che rimaniamo nella verità, perché essa sola ci rende veramente uomini e donne liberi: “Conoscerete la verità e la verità vi renderà liberi” (Gv 8,32). Chiediamo al Signore di riversare su di noi il Suo Santo Spirito, così da non allontanarci dalle sue vie. Vieni, Spirito Santo, e guidaci nelle situazioni e negli eventi di questo giorno. Liberaci dall’errore, perché non ci allontaniamo dalla volontà di Dio.

    Gesù, confido in te!

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Perché agitarsi?

    Dio ha il controllo di tutto

    Perché avete tanta paura, uomini di poca fede?” … alzandosi, rimproverò il vento e il mare, e ci fu una grande calma” (Mt 8,26). In mezzo alla molteplicità delle occupazioni di questo mondo dovremmo fare tutto bene, ma non lasciare che l’agitazione e l’eccesso delle preoccupazioni prendano il sopravvento sul nostro cuore. Siamo preoccupati e spaventati per molte cose, tuttavia non possiamo perdere di vista l’essenziale: Gesù nella nostra vita. Qualunque cosa accada, ricordiamoci della tempesta sedata. Dio ha il controllo su tutto, poiché il Suo potere è superiore a tutti e vince gli avversari. “Ma li salvò per amore del suo nome, affinché potesse mostrare la sua potenza” (Sal 106,8). Abbiamo lavorato tutto il giorno per mantenere il nostro cuore preoccupato e turbato da qualsiasi cosa, e se Egli viene per alzarci, chiediamo a Gesù: “Signore, calma il mio cuore”.

    Gesù confido in te!

    Luzia Santiago

    Non far vivere nessun altro come te

    Ciò che per noi è un’ispirazione interiore non deve esserlo per l’altro

    Ciò che per me è un’ispirazione interiore non deve esserlo per l’altro. Il rispetto reciproco è molto importante agli occhi di Dio. E questo è ciò che Gesù insegna a Santa Teresa d’Avila: “Voglio che presti molta attenzione, in modo che il diavolo e la tua debole intelligenza non obblighino altre persone a vivere come vivi”. Ciò che viviamo nella nostra conversione e nella ricerca della santità non dovrebbero, in alcun modo, essere la norma per coloro che camminano accanto a noi. Ciò che per noi è un’ispirazione interiore non deve esserlo per l’altro. Se siamo spinti a fare una specie di sacrificio o di digiuno, non dovremmo giudicare qualcuno che non lo fa. Di solito, il “gossip” ostacola la perfezione nell’amore. Rispettiamo i passaggi che ogni persona è in grado di intraprendere. Cerchiamo di essere comprensivi con il percorso di ognuno!

    Facciamo attenzione che il diavolo non ci inganni nel giudizio di qualcuno, un giudizio che può essere nascosto dall’amore fraterno. Dio è per noi! Chiediamo allo Spirito Santo il dono della saggezza e del discernimento nel trattare con le persone.

    Gesù, confido in te! 

    Luzia Santiago

    Forse anche ti piacerà:

    :: Come vivere la santità oggi?

    :: Sarà possibile un vero amore in una relazione solo virtuale?

    :: Perché devo credere che Gesù è risorto?

    :: Se la castità non era richiesta nella Bibbia, perché è richiesta ora?

    Facciamo segni di gioia e speranza

    Vogliamo essere segni di gioia e speranza per tutti coloro che attraversano la nostra vita

    Con il coraggio della fede, possiamo vivere diversamente questa giornata: se nel nostro lavoro e a scuola ci sono intrighi e divisioni, noi possiamo essere segno di unità, e lo stesso possiamo fare nella nostra famiglia e in tutti gli àmbiti della nostra vita. Pensiamo di essere migliori delle persone con cui viviamo, ma, in realtà, tutti “valgono ciò che sono davanti a Dio e nulla più”.

    Per questa ragione chiediamo al Signore la grazia dell’umiltà, facendo tutto il possibile per riconoscere i nostri limiti e crescere. “In effetti, capisco che il Signore non fa distinzione tra le persone” (At 10,34b). Se Dio non fa distinzione tra le persone, non possiamo farlo nemmeno noi; al contrario, abbiamo bisogno di accogliere con amore e gioia i fratelli che il Signore pone nelle nostre vite, indipendentemente dal colore, dalla razza, dalla lingua, dallo status sociale o dalla religione. Oggi vogliamo essere segni di gioia e speranza per tutti coloro che attraversano la nostra vita. Chiediamo al Signore, instancabilmente e con insistenza, la grazia dell’amore e dell’unità.

    Gesù, confido in te!

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Forse anche ti piacerà:

    :: Perché i bambini muoiono?

    :: La spiritualità può combattere la depressione?

    :: Siamo fatti per Amare

    :: Il pericolo del demonio muto

    La vera amicizia ha il valore dell’eternità

    La vera amicizia ci porta momenti indimenticabili

    Possiamo raccontare bei momenti di condivisione, di celebrazione, di gioia, vissuti con i nostri fratelli, non solo con quelli biologici, ma con tutte le persone che Dio ci mette sulla strada durante la vita e che diventano grandi amici e compagni: sono momenti indimenticabili che hanno il valore ed il sapore dell’Eternità. Ma sappiamo anche che ci sono io conflitti causati dalla nostra umanità fragile.

    Tuttavia, con la grazia di Dio, abbiamo un rimedio eccellente perché nulla ci impedisca di vivere l’amore dei nostri fratelli. Gesù ci insegna oggi: “Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello” (Mt 5,23-24). Forse, in un momento di gioia e di festa, qualcuno ci ha fatto male, anche non intenzionalmente, e abbiamo rischiato di diventare nemici. Oggi per noi è il giorno di prendere l’iniziativa nei confronti di queste persone e riprendere la loro amicizia. La vita è breve e non possiamo lasciare passare il tempo, perché alla fine saremo giudicati per quanto abbiamo amato. Signore, dacci oggi la grazia di ricominciare tutto da capo.

    Gesù, confido in te!

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Forse anche ti piacerà:

    :: È necessario usare tutti i mezzi per evangelizzare

    :: Ho sentito l’abbraccio del padre 

    :: I sacramenti hanno senso oggi?

    :: Terapia della Porneia: Il Celibato

    Cos’è la Santità?

    Vogliamo essere Santi ma non siamo misericordiosi davanti alle debolezze dei nostri fratelli.

    Ipocrita è colui che nell’agire, tradisce il proprio pensiero non è coerente col proprio pensiero. Possiamo paragonarlo ad un cieco: giudica e poi cade nel suo giudizio. È quello il rischio della infedeltà.
    Vogliamo la Santità ma non abbiamo misericordia davanti alle debolezze dei nostri fratelli. Parliamo di Santità, ma non ci piace ascoltare chi ci parla del nostro egoismo.

    C’è tanta gente che recita il rosario durante tutta la giornata e pensiamo che quella è santità. Anche noi che partecipiamo alla Santa Messa ogni giorno pensiamo che sia santità.

    Altri che si confessano due, tre volte al mese e penseno che quella è la via della santità.
    Certo, è anche quello. Invece cos’è la vera Santità che attende la venuta del Signore? Essere vigile, praticare atti d’more quando non si ha voglia di farlo. Invitare una persona ad entrare nella nostra casa anche quando nostra avremmo voglia di lasciarla fuori dalla nostra porta. Santità è accogliere, sopportare con pazienza. Amare.

    Se Gesù arrivasse proprio nel momento in cui stai litigando con qualcuno con Lui, secondo te, Lui ti appogerebbe?
    Cerco di fare sempre questo esercizio: ogni volta che provo qualche sentimento negativo, rabbia ad esempio, penso: se Gesù viene oggi, mi trova preparato per andare con Lui? In ogni circostanza che viviamo noi dobbiamo sempre pensare: se Gesù arrivasse adesso?

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

    Forse anche ti piacerà:

    :: Salve Rainha (Salve Regina)

    :: Tolleranza: relativismo o verità?

    :: Tutti chiamati alla santità

    :: Cammino Verso la Santità – Jonas Abib

    Siamo fatti per Amare

    Per amare nella vita, bisogna essere umili.

    Il motivo della nostra esistenza è Amare Dio con impegno totale, relazionandoci con i nostri fratelli tramite gesti ispirati dall’Amore.

    Agli occhi di Dio, se non c’è una vera partecipazione al Suo Amore che si manifesta attraverso il servizio, quello che crediamo Amore, rischia di essere , in realtà, vera illusione.

    La prima conversione è semplice. La seconda è più impegnativa: “non cercate, egoisticamente i vostri interessi”. Rinunciando a quello che ci piacerebbe avere, faremo qualcosa per il bene dei fratelli.

    È l’Amore che “non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, 6 non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità. 7 Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.” (1Cor 13, 5-7). Per amare nella vita, bisogna essere umili.

    Bisogna perdonare tante volte e chiedere perdono ogni giorno, a tutte le ore, in ogni momento  sia necessario, sempre attraverso l’Amore di Dio.

    Ti invito a fare la esperienza d’Amare oggi. Cosa ne pensi?

    Gesù, io confido in Te!

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova.

     

    Forse anche ti piacerà:

    :: Tolleranza: relativismo o verità?

    :: Matrimonio: affettività o responsabilità?

    :: Salmo 22 – Tu mi conduci, Signore, nel regno della vita.

    ::L’alimento della vita eterna

    :: Con Maria La vittoria è certa!

    Abbiamo bisogno della Parola di Dio

    Abbiamo bisogno della Parola di Dio, anche Gesù sempre ha usato le Scritture

    Dobbiamo fare come Lui. Ho imparato che abbiamo bisogno della Parola di Dio in ogni momento della giornata e in ogni realtà: nel lavoro, a casa, sia dove sia, ovunque ci troviamo. Sono le Scritture che formano in noi la mente di Cristo! Se portiamo la Parola di Dio nella nostra mente e nel nostro cuore, se abbiamo bisogno di forza, consolazione , sapienza, saggezza, discernimento, troveremo lì quello che cerchiamo.

    Nel momento in cui abbiamo bisogno di prendere una decisione, parlare con qualcuno o vincere una tentazione, lo Spirito Santo fa saltare dalla nostra anima il versetto biblico di cui abbiamo bisogno.

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci, a far parte della nostra vita, della scelta di Dio per noi.
    Quale parola di Dio è entrata nella tua vita? Riprendila oggi e fai una nuova esperienza.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Forse anche ti piacerà:

    :: Dire parolacce è peccato?

    :: I dieci comandamenti sono ancora validi?

    :: Salmo 22 – Tu mi conduci, Signore, nel regno della vita

    :: Se obbedisco a Dio posso dire di essere libero?

     

    Chiama Maria

    Nei momenti più difficili chiamo Maria

    Non c’è niente che mettiamo nelle nostre preghiere che rimane senza risposta perché “La faccia dell’Eterno è contro quelli che fanno il male per sradicare la loro memoria dalla terra.” Lo sguardo di Dio è sempre attento ai giusti.

    Ogni figlio, nel momento di difficoltà, cerca istintivamente di correre verso la madre oppure chiamarla. Io faccio l’esercizio di chiamare il nome di Gesù tante volte durante la giornata e, confesso, nelle ore più difficili chiamo Maria.

    Oggi sono ormai abituata a chiedere: “Maria, aiutami nelle situazioni che non riesco a controllare e gestire.” Riesco vedere la Madonna che mi aiuta in tutti i miei problemi.

    Preghiamo insieme: “Maria, fatti avanti per risolvere quello che non sono capace di fare . Prenditi cura di tutto ciò che non è a portata delle mie mani. Tu hai il potere per farlo. Chi può dire che è stato deluso da te dopo averti chiamato?”

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

     

    Dopo un aborto è possibile ricominciare?

    La Parola di Dio ci sostiene

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci

    Mi fa impressione vedere come Gesù ha vinto la tentazione: Lui sempre ha usato le Scritture.
    Dobbiamo fare come Lui. Ho imparato che abbiamo bisogno della Parola di Dio in ogni momento della giornata e in ogni realtà: nel lavoro, a casa, sia dove sia, ovunque ci troviamo.

    Sono le Scritture che formano in noi la mente di Cristo! Se portiamo la Parola di Dio nella nostra mente e nel nostro cuore, se abbiamo bisogno di forza, consolazione , sapienza, saggezza, discernimento, troveremo lì quello che cerchiamo.
    Nel momento in cui abbiamo bisogno di prendere una decisione, parlare con qualcuno o vincere una tentazione, lo Spirito Santo fa saltare dalla nostra anima il versetto biblico di cui abbiamo bisogno.

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci, a far parte della nostra vita, della scelta di Dio per noi.
    Quale parola di Dio è entrata nella tua vita? Riprendila oggi e fai una nuova esperienza.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

     

    La fede è cieca?