Cos’è la Santità?

    Vogliamo essere Santi ma non siamo misericordiosi davanti alle debolezze dei nostri fratelli.

    Ipocrita è colui che nell’agire, tradisce il proprio pensiero non è coerente col proprio pensiero. Possiamo paragonarlo ad un cieco: giudica e poi cade nel suo giudizio. È quello il rischio della infedeltà.
    Vogliamo la Santità ma non abbiamo misericordia davanti alle debolezze dei nostri fratelli. Parliamo di Santità, ma non ci piace ascoltare chi ci parla del nostro egoismo.

    C’è tanta gente che recita il rosario durante tutta la giornata e pensiamo che quella è santità. Anche noi che partecipiamo alla Santa Messa ogni giorno pensiamo che sia santità.

    Altri che si confessano due, tre volte al mese e penseno che quella è la via della santità.
    Certo, è anche quello. Invece cos’è la vera Santità che attende la venuta del Signore? Essere vigile, praticare atti d’more quando non si ha voglia di farlo. Invitare una persona ad entrare nella nostra casa anche quando nostra avremmo voglia di lasciarla fuori dalla nostra porta. Santità è accogliere, sopportare con pazienza. Amare.

    Se Gesù arrivasse proprio nel momento in cui stai litigando con qualcuno con Lui, secondo te, Lui ti appogerebbe?
    Cerco di fare sempre questo esercizio: ogni volta che provo qualche sentimento negativo, rabbia ad esempio, penso: se Gesù viene oggi, mi trova preparato per andare con Lui? In ogni circostanza che viviamo noi dobbiamo sempre pensare: se Gesù arrivasse adesso?

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

    Forse anche ti piacerà:

    :: Salve Rainha (Salve Regina)

    :: Tolleranza: relativismo o verità?

    :: Tutti chiamati alla santità

    :: Cammino Verso la Santità – Jonas Abib

    Siamo fatti per Amare

    Per amare nella vita, bisogna essere umili.

    Il motivo della nostra esistenza è Amare Dio con impegno totale, relazionandoci con i nostri fratelli tramite gesti ispirati dall’Amore.

    Agli occhi di Dio, se non c’è una vera partecipazione al Suo Amore che si manifesta attraverso il servizio, quello che crediamo Amore, rischia di essere , in realtà, vera illusione.

    La prima conversione è semplice. La seconda è più impegnativa: “non cercate, egoisticamente i vostri interessi”. Rinunciando a quello che ci piacerebbe avere, faremo qualcosa per il bene dei fratelli.

    È l’Amore che “non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, 6 non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità. 7 Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.” (1Cor 13, 5-7). Per amare nella vita, bisogna essere umili.

    Bisogna perdonare tante volte e chiedere perdono ogni giorno, a tutte le ore, in ogni momento  sia necessario, sempre attraverso l’Amore di Dio.

    Ti invito a fare la esperienza d’Amare oggi. Cosa ne pensi?

    Gesù, io confido in Te!

    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova.

     

    Forse anche ti piacerà:

    :: Tolleranza: relativismo o verità?

    :: Matrimonio: affettività o responsabilità?

    :: Salmo 22 – Tu mi conduci, Signore, nel regno della vita.

    ::L’alimento della vita eterna

    :: Con Maria La vittoria è certa!

    Abbiamo bisogno della Parola di Dio

    Abbiamo bisogno della Parola di Dio, anche Gesù sempre ha usato le Scritture

    Dobbiamo fare come Lui. Ho imparato che abbiamo bisogno della Parola di Dio in ogni momento della giornata e in ogni realtà: nel lavoro, a casa, sia dove sia, ovunque ci troviamo. Sono le Scritture che formano in noi la mente di Cristo! Se portiamo la Parola di Dio nella nostra mente e nel nostro cuore, se abbiamo bisogno di forza, consolazione , sapienza, saggezza, discernimento, troveremo lì quello che cerchiamo.

    Nel momento in cui abbiamo bisogno di prendere una decisione, parlare con qualcuno o vincere una tentazione, lo Spirito Santo fa saltare dalla nostra anima il versetto biblico di cui abbiamo bisogno.

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci, a far parte della nostra vita, della scelta di Dio per noi.
    Quale parola di Dio è entrata nella tua vita? Riprendila oggi e fai una nuova esperienza.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Forse anche ti piacerà:

    :: Dire parolacce è peccato?

    :: I dieci comandamenti sono ancora validi?

    :: Salmo 22 – Tu mi conduci, Signore, nel regno della vita

    :: Se obbedisco a Dio posso dire di essere libero?

     

    Chiama Maria

    Nei momenti più difficili chiamo Maria

    Non c’è niente che mettiamo nelle nostre preghiere che rimane senza risposta perché “La faccia dell’Eterno è contro quelli che fanno il male per sradicare la loro memoria dalla terra.” Lo sguardo di Dio è sempre attento ai giusti.

    Ogni figlio, nel momento di difficoltà, cerca istintivamente di correre verso la madre oppure chiamarla. Io faccio l’esercizio di chiamare il nome di Gesù tante volte durante la giornata e, confesso, nelle ore più difficili chiamo Maria.

    Oggi sono ormai abituata a chiedere: “Maria, aiutami nelle situazioni che non riesco a controllare e gestire.” Riesco vedere la Madonna che mi aiuta in tutti i miei problemi.

    Preghiamo insieme: “Maria, fatti avanti per risolvere quello che non sono capace di fare . Prenditi cura di tutto ciò che non è a portata delle mie mani. Tu hai il potere per farlo. Chi può dire che è stato deluso da te dopo averti chiamato?”

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

     

    Dopo un aborto è possibile ricominciare?

    La Parola di Dio ci sostiene

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci

    Mi fa impressione vedere come Gesù ha vinto la tentazione: Lui sempre ha usato le Scritture.
    Dobbiamo fare come Lui. Ho imparato che abbiamo bisogno della Parola di Dio in ogni momento della giornata e in ogni realtà: nel lavoro, a casa, sia dove sia, ovunque ci troviamo.

    Sono le Scritture che formano in noi la mente di Cristo! Se portiamo la Parola di Dio nella nostra mente e nel nostro cuore, se abbiamo bisogno di forza, consolazione , sapienza, saggezza, discernimento, troveremo lì quello che cerchiamo.
    Nel momento in cui abbiamo bisogno di prendere una decisione, parlare con qualcuno o vincere una tentazione, lo Spirito Santo fa saltare dalla nostra anima il versetto biblico di cui abbiamo bisogno.

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci, a far parte della nostra vita, della scelta di Dio per noi.
    Quale parola di Dio è entrata nella tua vita? Riprendila oggi e fai una nuova esperienza.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

     

    La fede è cieca?

    Chiama Maria

    Nei momenti più difficili chiamo Maria

    Non c’è niente che mettiamo nelle nostre preghiere che rimane senza risposta perché “La faccia dell’Eterno è contro quelli che fanno il male per sradicare la loro memoria dalla terra.” Lo sguardo di Dio è sempre attento ai giusti.

    Ogni figlio, nel momento di difficoltà, cerca istintivamente di correre verso la madre oppure chiamarla. Io faccio l’esercizio di chiamare il nome di Gesù tante volte durante la giornata e, confesso, nelle ore più difficili chiamo Maria.

    Oggi sono ormai abituata a chiedere: “Maria, aiutami nelle situazioni che non riesco a controllare e gestire.” Riesco vedere la Madonna che mi aiuta in tutti i miei problemi.
    Preghiamo insieme: “Maria, fatti avanti per risolvere quello che non sono capace di fare . Prenditi cura di tutto ciò che non è a portata delle mie mani. Tu hai il potere per farlo. Chi può dire che è stato deluso da te dopo averti chiamato?”

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Salve Rainha (Salve Regina)

     

    Cristiani autentici

    Bisogna essere autentico e fedele alla Chiesa e al credo che abbiamo abbracciato

    Vale la pena domandarsi: Io sono come Cristo? Cristo vive in me? Non possiamo vivere di teorie. Prego sempre Gesù che la mia vita non sia una teoria. Che ogni mia predica, ogni mia preghiera, che la mia vita carismatica, cattolica, matrimoniale, fraterna e con l’impegno attraverso la consacrazione ad una comunità per favorire il popolo, non sia mai una teoria? E la tua vita, com’è?

    Una teoria? Vai a messa ogni domenica, e quando esci dalla chiesa ti dimentichi che sei cristiano e che hai in te lo Spirito Santo? Si dimentichi che sei un Cristo per gli altri? Vai alla Santa Messa e cerchi risposte in altre cose? Partecipi alle celebrazioni e credi nell’astrologia leggendo giornali che inquinano la mentalità cristiana?

    Bisogna essere autentico e fedele alla Santa Chiesa e al credo che hai abbracciato . Tu magari lo fai per curiosità o anche perché sei stato invitato da qualcuno e, per rispetto alla persona non riesci a dire di no.
    Tanti di noi si appassionano ad alcune pratiche per ignoranza, senza conoscenza. Invece sì arriva ad un punto in cui Dio stesso ci visita nella nostra debolezza e, se siamo docili alla Sua Luce, proviamo la Sua infinita Misericordia.
    Essere cristiano per noi è un titolo di onore. Quando abbiamo il coraggio di rinunciare alla vita passata ed abbracciamo la Vita Nuova in Gesù.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    La Gastrimargia

    Tutto passa

    Andiamo a cercare le cose di lassù

    Magari tu hai avuto già l’opportunità di osservare una gallina, non smette mai di beccare. Fa quello tutta la giornata e non si soddisfa mai! Come loro, anche le persone non trovano mai soddisfazione quando vivono secondo la carne, le tendenze di questa vita. Facciamo un esempio: voglio la macchina “x” e quando la ottengo , ne voglio un’altra. Se hai una bici vuoi avere una moto. Se hai una maglia, non te ne basta una, ne vuoi altre. Se hai una fidanzata, stessa cosa. Non sei mai soddisfatto.

    Quando guardi il giardino del vicino, l’invidia lo fa volere ancora più grande e più bello.

    C’è anche chi vuole una moglie o un marito nuovo desiderando quello o quella degli altri.

    Un uomo nel peccato è come una gallina che non smette mai di beccare . Il suo occhio, lo rende schiavo, portandolo a soddisfare i suoi sensi. Invece l’ uomo che è animato dallo Spirito Santo, ogni cosa che gli capita è motivo di avvicinamento a Dio, e capisce che tutto passa. L’unica risposta a quelli che desiderano una vita nuova è di essere docili all’azione dello Spirito Santo: “Prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra: io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché viva tu e la tua discendenza.” (Dt 30,19)

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    I dieci comandamenti sono ancora validi?

    La gioia della rinuncia

    Davide, nella sua ricerca di pentimento e ritorno a Dio, fece questa preghiera: “Crea in me, o Dio, un cuore puro”. (Sl 50)

    Soltanto il Signore, con il suo potere e la sua misericordia, ci porta a rinunciare al peccato e ad abbracciare il bene. Gesù ci da la ricetta per fare questo: Lui invita alla rinuncia di noi stessi e di tutto ciò a cui siamo attaccati, in modo da appartenere totalmente a Lui: “ Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo” . (Lc 14,33).

    Abbiamo bisogno di dire con animo forte e saldo:
    “Signore, io ti scelgo al di sopra di tutto; al di sopra della salute, delle ricchezze, delle difficoltà, degli onori, degli elogi, della scienza, delle consolazioni, delle speranze, dei desideri…al di sopra, persino, delle grazie e dei doni, che potrei ricevere da Te. In sintesi, scelgo Te, al di sopra di tutte le creature, che non siano Te, oh mio Dio qualsiasi grazia che mi dai, senza di te, non mi è sufficiente.” “Io voglio soltanto Te e null’altro!” (Sant’Alfonso di Liguori) .

    Gesù, confido in te!

    Luzia Santiago

    Quando ti senti veramente una persona libera?

    Nulla ci può impedire di essere veramente liberi, perché siamo stati creati per la libertà.

     

    Guardando oggi la nostra vita, abbiamo bisogno di dare nome alle cose che ci incatenano e presentarli a Gesù concretamente, chiedendo il suo efficace aiuto, come il cieco, che all’ascoltare parlare che il Signore stava passando, cominciò a chiedergli aiuto ad alta voce:
    “Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me” (Lc 18,38) e immediatamente il Signore lo chiamò e gli chiese: Cosa vuoi che faccia per te? Il cieco rispose: Signore che io possa vedere nuovamente. Gesù disse: vedi di nuovo”.
    La domanda di Gesù oggi è la stessa per te e per me: “Cosa vuoi che io faccia per te?” I cieco disse che voleva vedere nuovamente. E tu, che risposta hai? Qual’è la tua più grande necessità oggi? Dì al nostro Signore. Avviciniamoci a Cristo con una profonda fiducia nella sua misericordia.

    Gesù, confido in te!

    Luzia Santiago