Con Maria La vittoria è certa!

    Per poter avere la vittoria, noi abbiamo bisogno di stare dalla parte della Madonna.

    La nostra generazione è terribilmente colpita dal nemico di Dio. Il demonio, sapendo che gli resta poco tempo, attacca tutta la nostra generazione. Per questo motivo è in atto la battaglia tra la Donna e il drago.

    Parlare, nei tempi che corrono, della devozione alla Madonna, non è parlare di qualsiasi “devozione”, no! Si tratta di una questione di guerra, lo stesso Dio ha costituito il suo esercito. Lui stesso a consegnato il comando ad una Donna: La Vergine Maria. Quella donna che è vestita di sole. Ha una corona di dodici stelle, e ha la luna sotto i suoi piedi. Lei è la madre di Dio, e la madre del nostro Signore Gesù Cristo. Lei è Colei che ci ha portato il Salvatore. La Santissima Vergine è povera semplice, umile. Ma è lei che sta al comando di questo esercito.

    Dall’tra parte, c’è il dragone che fu ben descritto in apocalisse 12: la primitiva serpente, il demonio, satana. Colui che vuole corrompere tutto. Che vuole far diventare tutto senza la Grazia.

    Non è per niente che oggi si solleva con forza totalmente nuova, la devozione alla Madonna! Devozione che persino è diventato questione di guerra. Dio vuole allineare, dietro a lei, tutti i suoi figli: coloro che hanno bisogno di vincere la battaglia contro il drago ed il suo esercito. Per te essere vincitore in questa lotta che stai combattendo sia nella spiritualità, sia nella sessualità o nell’affettività ed in tutte le aree della tua vita-, tu hai bisogno della Vergine madre. Lei è la vincitrice che va davanti a te! Nessuno di noi da soli riuscirà a vincere!

    Abbi la certezza che tu esperimenterai la vittoria, fin quando il maligno sarà precipitato nuovamente nell’abisso. Finalmente il cuore immacolato di Maria trionferà. Si! Abbi la certezza della sua vittoria! E’ la tua vittoria! Parla cosi: “io sono vittorioso con Maria! La vittoria della madre santissima madre di Dio è la mia vittoria! Io vedrò la vittoria di Dio Amen”

    Il tuo fratello,

    Mons. Jonas abib

     

    Matrimonio: affettività o responsabilità?

    Abbiamo bisogno della Parola di Dio

    Abbiamo bisogno della Parola di Dio, anche Gesù sempre ha usato le Scritture

    Dobbiamo fare come Lui. Ho imparato che abbiamo bisogno della Parola di Dio in ogni momento della giornata e in ogni realtà: nel lavoro, a casa, sia dove sia, ovunque ci troviamo. Sono le Scritture che formano in noi la mente di Cristo! Se portiamo la Parola di Dio nella nostra mente e nel nostro cuore, se abbiamo bisogno di forza, consolazione , sapienza, saggezza, discernimento, troveremo lì quello che cerchiamo.

    Nel momento in cui abbiamo bisogno di prendere una decisione, parlare con qualcuno o vincere una tentazione, lo Spirito Santo fa saltare dalla nostra anima il versetto biblico di cui abbiamo bisogno.

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci, a far parte della nostra vita, della scelta di Dio per noi.
    Quale parola di Dio è entrata nella tua vita? Riprendila oggi e fai una nuova esperienza.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Forse anche ti piacerà:

    :: Dire parolacce è peccato?

    :: I dieci comandamenti sono ancora validi?

    :: Salmo 22 – Tu mi conduci, Signore, nel regno della vita

    :: Se obbedisco a Dio posso dire di essere libero?

     

    Chiama Maria

    Nei momenti più difficili chiamo Maria

    Non c’è niente che mettiamo nelle nostre preghiere che rimane senza risposta perché “La faccia dell’Eterno è contro quelli che fanno il male per sradicare la loro memoria dalla terra.” Lo sguardo di Dio è sempre attento ai giusti.

    Ogni figlio, nel momento di difficoltà, cerca istintivamente di correre verso la madre oppure chiamarla. Io faccio l’esercizio di chiamare il nome di Gesù tante volte durante la giornata e, confesso, nelle ore più difficili chiamo Maria.

    Oggi sono ormai abituata a chiedere: “Maria, aiutami nelle situazioni che non riesco a controllare e gestire.” Riesco vedere la Madonna che mi aiuta in tutti i miei problemi.

    Preghiamo insieme: “Maria, fatti avanti per risolvere quello che non sono capace di fare . Prenditi cura di tutto ciò che non è a portata delle mie mani. Tu hai il potere per farlo. Chi può dire che è stato deluso da te dopo averti chiamato?”

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

     

    Dopo un aborto è possibile ricominciare?

    L’alimento della vita eterna

     

    L’Eucaristia sta nel cuore della missione cristiana. Rivela le chiavi per vivere con lo spirito eucaristico a dimensione missionaria.

    “l’eucaristia edifica la Chiesa e la Chiesa fa l’Eucaristia, osservando come la missione della Chiesa s’incontra in continuità con quella di Cristo (cf. Gv 20, 21) è ottiene forza spirituale della comunione con il suo corpo e con il suo sangue. Il fine dell’Eucaristia è precisamente la comunione degli uomini con cristo e , in Lui, con il Padre e con lo Spirito Santo” (Ecclesia de Eucharistia, 22).

    Per vivere dalla Eucaristia è necessario anche “consumare il tempo in adorazione davanti al Santissimo Sacramento, esperienza che io stesso faccio tutti i giorni prendendo da essa forza, consolazione e sostentamento” (cf.Ecclesia de Eucharistia, 25), afferma João Paulo II.

    Come il compianto papa Giovanni Paolo II posso dire che L’Eucaristia è il mio sostegno, dam essa prendo forze e da essa mi viene la consolazione nelle tribolazioni e le risposte per molte interrogazioni. L’Eucaristia adorata è per me direzione per tutta la mia giornata.

    Fai dell’Eucaristia il tuo alimento quotidiano, il sostentamento per la tua anima, vivi intensamente questo incontro con colui che è l’alimento di vita eterna.

    Il tuo fratello,

    Mons. Jonas Abib

    La Parola di Dio ci sostiene

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci

    Mi fa impressione vedere come Gesù ha vinto la tentazione: Lui sempre ha usato le Scritture.
    Dobbiamo fare come Lui. Ho imparato che abbiamo bisogno della Parola di Dio in ogni momento della giornata e in ogni realtà: nel lavoro, a casa, sia dove sia, ovunque ci troviamo.

    Sono le Scritture che formano in noi la mente di Cristo! Se portiamo la Parola di Dio nella nostra mente e nel nostro cuore, se abbiamo bisogno di forza, consolazione , sapienza, saggezza, discernimento, troveremo lì quello che cerchiamo.
    Nel momento in cui abbiamo bisogno di prendere una decisione, parlare con qualcuno o vincere una tentazione, lo Spirito Santo fa saltare dalla nostra anima il versetto biblico di cui abbiamo bisogno.

    Ci sono testi della Bibbia che ci colpiscono e cominciano ad accompagnarci, a far parte della nostra vita, della scelta di Dio per noi.
    Quale parola di Dio è entrata nella tua vita? Riprendila oggi e fai una nuova esperienza.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

     

     

    La fede è cieca?

    Chiama Maria

    Nei momenti più difficili chiamo Maria

    Non c’è niente che mettiamo nelle nostre preghiere che rimane senza risposta perché “La faccia dell’Eterno è contro quelli che fanno il male per sradicare la loro memoria dalla terra.” Lo sguardo di Dio è sempre attento ai giusti.

    Ogni figlio, nel momento di difficoltà, cerca istintivamente di correre verso la madre oppure chiamarla. Io faccio l’esercizio di chiamare il nome di Gesù tante volte durante la giornata e, confesso, nelle ore più difficili chiamo Maria.

    Oggi sono ormai abituata a chiedere: “Maria, aiutami nelle situazioni che non riesco a controllare e gestire.” Riesco vedere la Madonna che mi aiuta in tutti i miei problemi.
    Preghiamo insieme: “Maria, fatti avanti per risolvere quello che non sono capace di fare . Prenditi cura di tutto ciò che non è a portata delle mie mani. Tu hai il potere per farlo. Chi può dire che è stato deluso da te dopo averti chiamato?”

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    Salve Rainha (Salve Regina)

     

    Nostro fratello è servo del Signore!

    Quando un nostro fratello comete sbagli ed errori, prima di tutto siamo chiamati ad amarlo e non giudicarlo, perché il giudizio appartiene al Signore e non a noi.

    Il nostro fratello è servo del Signore.
    Come ha detto San Paolo, non possiamo giudicare il servizio degli altri, perché è stato eseguito da un servo del Signore, così come noi.

    Se è imperfetto, non tocca a noi giudicarlo e neanche criticarlo; anzi: è proprio dell’amore e della carità praticare la correzione fraterna e, allo stesso tempo, accettarlo ed accoglierlo così com’è. Se adottiamo solo un atteggiamento da giudici, con l’ansia di correggerlo il più presto possibile, possiamo rovinare tutto. Quando si cambia l’atteggiamento ed accogliamo l’altro così com’è, formiamo con lui un’unità vera e lo ameremo come Dio lo ama, ossia incondizionatamente.

    Dio ti benedica!
    Tuo fratello, Mons. Jonas Abib – Fondatore della Comunità Canção Nova

     

    Perché la chiesa condanna l’aborto?

    Cristiani autentici

    Bisogna essere autentico e fedele alla Chiesa e al credo che abbiamo abbracciato

    Vale la pena domandarsi: Io sono come Cristo? Cristo vive in me? Non possiamo vivere di teorie. Prego sempre Gesù che la mia vita non sia una teoria. Che ogni mia predica, ogni mia preghiera, che la mia vita carismatica, cattolica, matrimoniale, fraterna e con l’impegno attraverso la consacrazione ad una comunità per favorire il popolo, non sia mai una teoria? E la tua vita, com’è?

    Una teoria? Vai a messa ogni domenica, e quando esci dalla chiesa ti dimentichi che sei cristiano e che hai in te lo Spirito Santo? Si dimentichi che sei un Cristo per gli altri? Vai alla Santa Messa e cerchi risposte in altre cose? Partecipi alle celebrazioni e credi nell’astrologia leggendo giornali che inquinano la mentalità cristiana?

    Bisogna essere autentico e fedele alla Santa Chiesa e al credo che hai abbracciato . Tu magari lo fai per curiosità o anche perché sei stato invitato da qualcuno e, per rispetto alla persona non riesci a dire di no.
    Tanti di noi si appassionano ad alcune pratiche per ignoranza, senza conoscenza. Invece sì arriva ad un punto in cui Dio stesso ci visita nella nostra debolezza e, se siamo docili alla Sua Luce, proviamo la Sua infinita Misericordia.
    Essere cristiano per noi è un titolo di onore. Quando abbiamo il coraggio di rinunciare alla vita passata ed abbracciamo la Vita Nuova in Gesù.

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    La Gastrimargia

    Tutto passa

    Andiamo a cercare le cose di lassù

    Magari tu hai avuto già l’opportunità di osservare una gallina, non smette mai di beccare. Fa quello tutta la giornata e non si soddisfa mai! Come loro, anche le persone non trovano mai soddisfazione quando vivono secondo la carne, le tendenze di questa vita. Facciamo un esempio: voglio la macchina “x” e quando la ottengo , ne voglio un’altra. Se hai una bici vuoi avere una moto. Se hai una maglia, non te ne basta una, ne vuoi altre. Se hai una fidanzata, stessa cosa. Non sei mai soddisfatto.

    Quando guardi il giardino del vicino, l’invidia lo fa volere ancora più grande e più bello.

    C’è anche chi vuole una moglie o un marito nuovo desiderando quello o quella degli altri.

    Un uomo nel peccato è come una gallina che non smette mai di beccare . Il suo occhio, lo rende schiavo, portandolo a soddisfare i suoi sensi. Invece l’ uomo che è animato dallo Spirito Santo, ogni cosa che gli capita è motivo di avvicinamento a Dio, e capisce che tutto passa. L’unica risposta a quelli che desiderano una vita nuova è di essere docili all’azione dello Spirito Santo: “Prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra: io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché viva tu e la tua discendenza.” (Dt 30,19)

    Gesù, io confido in te!
    Luzia Santiago – Cofondatrice della Comunità Cançao Nova

    I dieci comandamenti sono ancora validi?

    Non avere paura di accogliere Maria

    Oggi, invita Maria ad entrare nella tua casa

    Il vangelo di Luca ci dice: “In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me?” (Lc 1,39-43).

    È bastata la presenza di Maria perché sua cugina Elisabetta diventasse piena di Spirito Santo. Elisabetta non aveva modo di sapere che Maria era incinta: lo Spirito Santo glielo ha rivelato. Dunque, Elisabetta domanda come mai lei si meriti che la Madre del Signore venga a trovarla.

    Non avere paura di accogliere Maria, la Madre del Signore, nella tua vita. Non separare la Madre dal Figlio. Se Maria è la Madre del Signore, io devo venerarla. Lei è la Madre del mio Redentore. Maria è Madre e Maestra. Ci insegna il cammino da seguire. Alle nozze di Canna, Gesù ha onorato il quarto comandamento che ci dice: “onora il padre e la madre”.

    “Beata Colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore”. Allora Maria disse: “L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva” (Lc 1,45-48).

    Io non ho paura di accogliere Maria nella mia vita, nella mia casa, nella mia famiglia, come Madre del mio Signore ed anche mia. Io proclamo che Gesù è il Signore ed al Suo nome ogni ginocchio si piega per terra.
    Oggi, invita Maria ad entrare nella tua casa.

    Dio ti benedica!
    Tuo fratello, Mons. Jonas Abib – Fondatore della Comunità Cançao Nova

     

    :: Forse ti piacerà:

    Maria Santissima Madre di Dio